Comprendere la catena di approvvigionamento in Africa: sfide e opportunità
EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Catena di approvvigionamento in Africa

Comprendere la catena di approvvigionamento in Africa, parte 2: sfide e opportunità

Benvenuti nella parte 2 del nostro sguardo alla catena di approvvigionamento in Africa. Nel Parte 1, abbiamo fatto "L'Africa dai numeri", entrando nei dettagli della geografia, della demografia, dell'economia del continente e degli obiettivi di "Agenda 2063.” Oggi parliamo di tre sfide e tre opportunità. C'è molto da coprire, quindi iniziamo.

Tre sfide per la filiera in Africa

Come abbiamo detto in Parte 1, L'Africa è grande: circa 11.7 milioni di miglia quadrate (30.3 milioni di km quadrati). Il continente ha otto regioni fisiche primarie — il Sahara, il Sahel, gli altopiani etiopi, la savana, la costa swahili, la foresta pluviale, i Grandi Laghi africani e l'Africa meridionale — e attraversare questi diversi paesaggi non è sempre facile.

Il che ci porta alla prima sfida per la filiera in Africa: fisica ed elettronica infrastruttura. Detto semplicemente, l'Africa ha una lunga strada da percorrere con le infrastrutture. McKinsey & Company's "Risolvere il paradosso delle infrastrutture dell'Africa” (marzo 2020) offre una buona panoramica di questa sfida, il paradosso è che c'è una forte domanda di progetti e capitale sufficiente, ma poca azione. Nello specifico,

“... gli investimenti infrastrutturali in Africa sono aumentati costantemente negli ultimi 15 anni e... gli investitori internazionali hanno sia l'appetito che i fondi per spendere molto di più in tutto il continente. La sfida, tuttavia, è che il track record dell'Africa nel trasferimento di progetti alla chiusura finanziaria è scarso: l'80% dei progetti infrastrutturali fallisce nella fase di fattibilità e business plan".

Una statistica che apre gli occhi dall'articolo di McKinsey: più di due terzi della popolazione mondiale che non ha accesso all'elettricità vive nell'Africa subsahariana. Sono 600 milioni di persone. La sfida è evidente. L'Agenda 2063 ha componenti infrastrutturali ambiziosi (es. ferrovia, aria, acqua) e potrebbe benissimo distruggere questo paradosso. Ma ci vorrà del tempo.

Ecco altre due sfide chiave per la catena di approvvigionamento in Africa:

L'economia informale. Il Centro per lo sviluppo globale riferisce che il settore informale dell'Africa è il più grande del mondo, citando le statistiche dell'Organizzazione internazionale del lavoro secondo cui rappresenta quasi il 90% dell'economia nell'Africa subsahariana e circa due terzi nel Nord Africa. Ricerca da 2019 ha mostrato che il settore informale ha fornito il 90% di tutti i nuovi posti di lavoro e il 70% di tutta l'occupazione nell'Africa subsahariana.

Nelle aree urbane dell'Africa, le aree in più rapida crescita al mondo, i dati della Banca Mondiale lo dimostrano quasi l'81 per cento dei posti di lavoro sono nel settore informale, mentre il Lo ha riferito l'Organizzazione Internazionale del Lavoro che quasi il 96% dei giovani tra i 15 ei 24 anni e poco più del 93% delle donne lavorano nell'economia informale.

Ciò significa che una parte significativa della catena di approvvigionamento in Africa è informale, opera attraverso canali non ufficiali e senza supervisione, regolamentazione o tassazione del governo. Ciò rende difficile per le aziende operare in Africa e crea un ambiente in cui possono sorgere altri problemi della catena di approvvigionamento.

Contraffazioni. La copia e la contraffazione illegali sono diffuse in Africa, così come in altre parti del mondo con economie informali non regolamentate e protezioni insufficienti della catena di approvvigionamento. I cattivi attori sono fin troppo felici di sfruttare queste condizioni.

Per esempio, 42 per cento di tutti i farmaci contraffatti segnalati all'Organizzazione Mondiale della Sanità dal 2013 al 2017 provenivano dall'Africa. (L'OMS stima che uno su 10 prodotti medici nei paesi a basso e medio reddito sia scadente o falso.) Leggendo tra le righe, la proliferazione di medicinali contraffatti nella catena di approvvigionamento dell'Africa potrebbe essere ancora maggiore, poiché spesso si verificano normative deboli e un'applicazione permissiva in fase di segnalazione.

Per illustrare il problema, l'anno scorso an Interpol-un'operazione di sostegno nell'Africa meridionale mirata al "traffico di prodotti sanitari illeciti e altri beni" ha catturato 179 sospetti e sequestrato prodotti per un valore di circa 3.5 milioni di dollari. Esempi di eventi simili sono i seguenti:

    • 2015-2018: Sequestrate in Mali quasi 20 tonnellate di medicinali contraffatti
    • 2017: Più di 420 tonnellate di prodotti farmaceutici illegali sequestrate in sette paesi dell'Africa occidentale
    • 2018: Sequestrate 19 tonnellate di medicinali contraffatti in Costa d'Avorio, Guinea-Bissau, Liberia e Sierra Leone
    • 2019: 12 tonnellate di prodotti farmaceutici contraffatti intercettati in Ghana

Ma i canali ufficiali stanno lavorando per affrontare il problema, comprese queste iniziative:

    • Il termoprotettore Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine ha annunciato una "strategia olistica" per combattere la criminalità e le droghe false nell'Africa occidentale e centrale.
    • Il termoprotettore Unione africana ha annunciato che il Segretariato dell'Africa Continental Free Trade Area (AfCFTA) ha firmato una lettera di intenti per collaborare con altri partner per combattere il commercio contraffatto.
    • Il termoprotettore Iniziativa Lomé è un accordo vincolante tra Repubblica del Congo, Niger, Senegal, Togo, Uganda, Ghana e Gambia per criminalizzare il traffico di medicinali falsificati.
    • Lo è anche la professione forense consapevole del problema.

Tre opportunità per la filiera in Africa

L'ascesa della produzione. La produzione africana ha fatto notizia il mese scorso quando Afrigen Biologics and Vaccines a Cape Town, in Sud Africa, ha annunciato aveva copiato con successo il vaccino COVID-19 di Moderna senza alcun input da parte della società con sede negli Stati Uniti. Più o meno nello stesso periodo, il direttore dei Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie ha detto che 10 paesi stavano producendo vaccini in questo momento o pianificando di farlo, con il Sudafrica, il Senegal, il Ruanda, l'Algeria e il Marocco che assumono ruoli di primo piano.

Guidato da organizzazioni come il Partnership africana per la produzione di vaccini e Iniziativa per la produzione di vaccini africani, è in corso una spinta coordinata per produrre vaccini in Africa "da zero" (cioè, non semplicemente "riempire e rifinire" i prodotti importati) e rendere il continente "vaccino indipendente".

E questo è emblematico di un Rinascimento manifatturiero africano di sorta. Nel secondo trimestre del 2021, ad esempio, Stime di crescita delle Nazioni Unite ha indicato un'espansione del 17.8% della produzione manifatturiera. (La produzione era diminuita del 17.1% nello stesso periodo del 2020, principalmente attribuibile alla pandemia.) Anche nel secondo trimestre del 2021, la produzione manifatturiera è aumentata "in molti paesi africani", tra cui Sud Africa (39.3%), Ruanda (30.2%). percento), Senegal (22.6 percento) e Nigeria (4.6 percento).

Altri esempi sono abbondanti: Carmaker Nissan sta aprendo nuove strutture e gli analisti vedono l'Africa emergendo come un hub dell'industria automobilistica, incluso per veicoli elettrici. Nel complesso, la ricerca lo dimostra la produzione nel continente è in crescita, o in forte ripresa dalla pandemia, soprattutto nelle economie chiave dell'Africa subsahariana.

Un settore manifatturiero sano significa una catena di approvvigionamento con opportunità di modernizzazione insieme agli impianti di produzione, di adottare standard internazionali (ad es. GS1) e le migliori pratiche e di costruire l'infrastruttura per proteggere i prodotti dal momento in cui lasciano il reparto di produzione fino al momento in cui raggiungono i consumatori.

Una grande - e giovane - forza lavoro. Come abbiamo notato nella Parte 1 della nostra serie, circa 1.4 miliardi di persone vivono in Africa (circa il 17% del popolazione mondiale) e il l'età media è 19.7, rendendolo il continente più giovane del pianeta. Secondo la Banca Mondiale, metà della popolazione dell'Africa subsahariana avrà meno di 25 anni entro il 2050.

Ciò potrebbe preparare i paesi africani a un boom dell'occupazione/produzione in corso simile a quello che è successo in Vietnam, Malesia, Singapore, Messico e India. Con più posti di lavoro in più settori, inclusa la tecnologia, e più prodotti originari del continente, la catena di approvvigionamento dovrà crescere e adattarsi. Ciò creerà opportunità di modernizzazione e sincronizzazione con gli standard e le migliori pratiche globali.

Un'economia incentrata sul consumatore. L'Africa è un mercato enorme per beni e servizi prodotti e importati a livello nazionale. Come AfCFTA matura e progetti sotto Agenda 2063 e altre iniziative sono state completate, centinaia di milioni di consumatori dovrebbero avere un accesso maggiore e più facile a questi beni e servizi. Dovrebbero anche essere disposti a spendere più soldi: nel 2021, la spesa per consumi finali delle famiglie in Africa è stata di poco più di $ 1.9 trilioni; dice McKinsey questo potrebbe raggiungere 2.5 trilioni entro il 2025.

Ciò avrà un enorme impatto sulla catena di approvvigionamento in Africa: per la produzione, la logistica, la distribuzione, il magazzino e "l'ultimo miglio". Più l'economia africana diventa vigorosa, più le imprese dovrebbero anticipare lo sviluppo di nuove industrie, la dissipazione del settore informale, l'aumento della domanda di prodotti migliori e una "classe di consumatori" in crescita che si aspetterà che la catena di approvvigionamento funzioni ovunque nel continente .

Pensieri finali

La filiera in Africa è un work in progress. Alcuni paesi, in particolare quelli dell'Africa subsahariana, sono più avanti di altri. Le ragioni di ciò sono diverse, da istituzioni più solide e infrastrutture più stabili a una geografia fortunata che facilita un migliore accesso al flusso del commercio globale.

È la saggia organizzazione che segue il progresso e si prepara continuamente a fare affari in Africa. Ciò significa essere in grado di lavorare con la catena di approvvigionamento, rispettare le normative man mano che vengono implementate e perfezionate, ottimizzare i sistemi e trovare il giusto fornitore di soluzioni.

Contattaci oggi per parlare con uno dei nostri esperti di filiera digitale. In pochi minuti dimostreranno come il nostro Sistema di tracciabilità assicurerà che la tua azienda possa integrarsi con la catena di approvvigionamento in Africa. Dopo averlo fatto, passa al ultima puntata della nostra serie di filiera in Africa, che mette in evidenza il contesto normativo farmaceutico. Nel frattempo, pensa alla tua filiera e considera le parole di Dott. Akinwumi Ayodeji Adesina, presidente dell'African Development Bank Group:

Il futuro appartiene inesorabilmente al continente africano. Entro il 2050 avrà la stessa popolazione di quella attuale di Cina e India. Ci sarà una crescente domanda di consumatori da parte di una classe media in crescita, una popolazione di quasi 2 miliardi di persone, di cui circa 800 milioni di giovani cercheranno un'occupazione significativa e sostenibile.

Se riusciamo a sfruttare questo potenziale allineando l'offerta con la domanda, i mercati con i clienti e le competenze con i posti di lavoro e mantenendo la maggior parte di questi elementi e collegamenti in gran parte all'interno dell'Africa, allora l'Africa diventerà una forza economica inarrestabile, in grado di nutrire se stessa e il resto del mondo. il mondo per buona misura. Questo è lo scopo futuro per gli africani di plasmare i propri interessi e le proprie ambizioni economiche.

 

LinkedInTwitterFacebook

Articoli Correlati