Che aspetto ha il piano di distribuzione del vaccino COVID-19 dell'UE?
EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Distribuzione del vaccino COVID-19, rfxcel, UE

Che aspetto ha il piano di distribuzione del vaccino COVID-19 dell'UE?

L'UE ha annunciato il suo vaccino COVID-19 strategia il 17 giugno 2020. Tra le altre cose, ha chiesto di garantire la qualità, la sicurezza e l'efficacia dei vaccini, assicurando un rapido accesso ai vaccini e garantendo un accesso equo a un vaccino economico il prima possibile. Ha inoltre chiesto di adattare il quadro normativo dell'UE e di trarre vantaggio dalla flessibilità normativa per affrontare l'urgente necessità.

Diamo un'occhiata a ciò che l'UE ha detto sul suo piano di distribuzione del vaccino COVID-19 e rispondiamo ad alcune domande frequenti sulla sua somministrazione di vaccini.

Quali vaccini vengono utilizzati nell'UE?

La Commissione Europea afferma di voler "costruire un portafoglio diversificato di vaccini basato su diverse tecnologie, per aumentare le possibilità che uno o più dei vaccini candidati siano approvati dall'EMA".

L'UE ha autorizzato il vaccino BioNTech-Pfizer COVID-19 il 21 dicembre 2020 e il vaccino Moderna il 6 gennaio 2021. Lo ha fatto dopo Agenzia europea dei medicinali (EMA) ha valutato la loro sicurezza, qualità ed efficacia.

Gennaio 8, ha riferito la Commissione di aver concluso contratti per 600 milioni di dosi del vaccino BioNTech-Pfizer e 160 milioni di dosi del vaccino di Moderna. Ha anche riferito di aver ottenuto contratti per milioni di dosi da AstraZeneca, Sanofi-GSK, Johnson and Johnson e CureVac, e di aver concluso "colloqui esplorativi" con Novavax e Valneva.

Quindi, il 29 gennaio, la Commissione ha annunciato che AstraZeneca ha accettato di pubblicare il redatto contract ha firmato il 27 agosto 2020 e che CureVac ha accettato di pubblicare l'accordo di acquisto anticipato con l'UE.

La Commissione dice di essersi assicurata più di 2.3 miliardi di dosi dei vaccini COVID-19, aggiungendo che se tutti i vaccini candidati si rivelassero sicuri ed efficaci, gli Stati membri dell'UE potrebbero donare parte delle loro dosi ai paesi a reddito medio e basso.

Chi riceverà il vaccino e quando?

A partire dall'8 gennaio, l'UE ha affermato che tutti gli Stati membri avrebbero avuto accesso ai vaccini COVID-19 contemporaneamente, in base alle dimensioni della loro popolazione. Il 29 gennaio la Commissione ha emanato una misura chiedendo agli Stati membri di autorizzare le esportazioni di vaccini, affermando che ciò "garantirà un accesso tempestivo ai vaccini COVID-19 per tutti i cittadini dell'UE e ... affronterà l'attuale mancanza di trasparenza delle esportazioni di vaccini al di fuori dell'UE".

La Commissione afferma che il numero di dosi sarà limitato durante le fasi iniziali dello sforzo di immunizzazione e prima che la produzione possa essere aumentata. Come in altri paesi, le autorità hanno affermato che non ci saranno dosi sufficienti per vaccinare subito tutti; prenderà del tempo.

La maggior parte dei membri ha definito chi riceverà il vaccino per primo e sta ulteriormente perfezionando i sottogruppi per assegnare la priorità. Gli operatori sanitari in prima linea e le persone con più di 80 anni sono in cima alla lista. Per ulteriori informazioni sull'implementazione, vedere questo rapporto di dicembre 2020 dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie sulla preparazione nell'UE, nello Spazio economico europeo e nel Regno Unito. Il Centro dispone anche di un utile "Aggiornamento della situazione"Pagina che tiene traccia della pandemia nell'UE.

Le forniture di vaccini aumenteranno nel tempo, afferma la Commissione, e tutti gli adulti dovrebbero essere in grado di vaccinarsi durante il 2021. Si prevede che almeno l'80% delle persone di età superiore agli 80 anni e l'80% degli operatori sanitari e sociali dovrebbero essere vaccinati da Marzo 2021. Entro questa estate, la Commissione afferma che il 70% della popolazione adulta dell'UE dovrebbe essere vaccinato. Queste proiezioni, tuttavia, sono probabilmente ottimistiche, poiché il lancio è stato lento e sono state somministrate meno dosi del previsto.

Pensieri finali

Come abbiamo detto nel nostro post sul blog su Distribuzione del vaccino COVID-19 negli Stati Uniti, il mondo è in una situazione di "tutte le mani sul ponte". Ci piace pensare di aver fatto parte dello sforzo sin dall'inizio della pandemia.

Nell'aprile 2020 siamo entrati a far parte del Coalizione sanitaria COVID-19, offrendo il nostro Accurate Immunization Management (AIM) e Soluzioni di monitoraggio integrato rfxcel (rIM). rIM è una soluzione di monitoraggio ambientale in tempo reale che utilizza dispositivi abilitati per Internet of Things (IoT) per monitorare i prodotti mentre sono in transito; è una soluzione potente e ideale per la catena del freddo farmaceutica, che è vitale per la distribuzione dei vaccini.

AIM assicura che la persona giusta riceva il vaccino giusto al momento giusto. Può tracciare i vaccini COVID-19, anzi, qualsiasi vaccino, in qualsiasi catena di approvvigionamento, monitorare l'inventario e facilitare la consegna sicura e tempestiva in qualsiasi luogo. Abbiamo progettato AIM per essere veloce, flessibile e conforme in qualsiasi paese. In un momento in cui il mondo dipende dalle catene di approvvigionamento per funzionare al massimo delle prestazioni, AIM è uno strumento per aiutare a far sì che i vaccini vengano consegnati e distribuiti correttamente.

Inoltre, la nostra firma Sistema di tracciabilità rfxcel si è dimostrato valido nella catena di fornitura farmaceutica, contribuendo a garantire che i prodotti siano sicuri e legittimi e che i consumatori sappiano esattamente cosa stanno ricevendo. Contattaci oggi per saperne di più sulle nostre soluzioni e su come possiamo aiutarti a proteggere la tua catena di fornitura, indipendentemente dal settore in cui operi o da dove svolgi la tua attività.

LinkedInTwitterFacebook

Articoli Correlati