Chi indaga sui prodotti cosmetici contraffatti?
EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Prodotti cosmetici contraffatti

Chi indaga sui prodotti cosmetici contraffatti?

Nel nostro ultimo post sul blog, ne abbiamo parlato il problema globale dei cosmetici contraffatti. Oggi parliamo di chi indaga sui prodotti cosmetici contraffatti, a partire da come i cosmetici sono regolamentati negli Stati Uniti e nell'UE.

La regolamentazione dei prodotti cosmetici varia notevolmente da paese a paese, quindi la nostra discussione di oggi non dovrebbe essere considerata una panoramica di cosa aspettarsi ovunque vengano venduti i cosmetici. Anche l'applicazione delle leggi e le azioni intraprese dalle autorità per contrastare le contraffazioni variano.

Che is universale, tuttavia, è che l'industria dei cosmetici deve affrontare sfide uniche con la sicurezza dei consumatori, l'aumento della domanda di trasparenza da parte dei consumatori e l'essere presi di mira dai contraffattori. È utile sapere chi indaga sui prodotti cosmetici contraffatti e quali misure puoi adottare per essere parte della soluzione.

Chi indaga sui cosmetici contraffatti: USA e UE

I cosmetici contraffatti sono pericolosi perché i criminali che li producono non seguono i regolamenti o gli standard di produzione. I falsi sono spesso contaminati da "cose" a cui davvero non vuoi pensare, figuriamoci mettere sul tuo viso, come batteri, feci animali e umane, arsenico e mercurio. Quindi, i regolatori tengono d'occhio i cosmetici.

United States

Negli Stati Uniti, la Food and Drug Administration (FDA) è l'organo di governo per le normative sui cosmetici. I prodotti cosmetici non richiedono l'approvazione della FDA, ma cambiano ciclicamente regolamentato. Il Federal Food, Drug and Cosmetic Act (legge FD&C) e il Legge sull'imballaggio e l'etichettatura equa (FPLA) spiegano i requisiti, le restrizioni e le azioni disciplinari della FDA in materia di cosmetici.

La FDA si concentra sulla prevenzione dell'adulterazione e del marchio errato, dell'etichettatura errata e di ingredienti o farmaci dannosi. L'adulterazione si riferisce a prodotti o ingredienti di prodotti che non sono in linea con le normative FDA o che sono stati contaminati. Un prodotto con marchio errato è "etichettato in modo improprio o confezionato in modo ingannevole", il che potrebbe includere prodotti cosmetici contraffatti. La FDA vieta l'utilizzo di 11 sostanze chimiche nei prodotti cosmetici.

Inoltre, la FDA si riserva l'autorità di richiedere richiami e collaborare con il Dipartimento di giustizia, l'FBI (Federal Bureau of Investigation) e le dogane di frontiera in caso di violazioni. Mantiene un “Richiami e avvisi di cosmetici"pagina e ha una ricercabile"Rapporto sull'applicazione” database dei prodotti richiamati.

L'Unione Europea

I prodotti cosmetici fabbricati e importati in Europa sono regolamentati dal Regolamento UE sui cosmetici. Come la FDA, l'UE regola gli ingredienti e l'etichettatura; in genere, tuttavia, le norme sono più ampie e definite in modo più preciso.

Ad esempio, l'uso cosmetico è vietato a più di 1,300 sostanze (ad es. sostanze chimiche, coloranti e conservanti) e altre centinaia sono consentite solo a determinate condizioni. I regolamenti impongono anche le Good Manufacturing Practices (GMP), mentre la FDA suggerisce solo GMP come "linee guida per un'autoispezione efficace. "

Inoltre, l'UE richiede una documentazione significativa del prodotto. Ogni azienda di cosmetici deve avere una "persona responsabile" per ogni prodotto essi fanno. Questa persona è responsabile di garantire che i prodotti siano sicuri e conformi alle normative e deve inviare una notifica di prodotti cosmetici tramite un portale online prima che un prodotto possa essere venduto.

La persona responsabile deve anche creare un file di informazioni sul prodotto che includa il nome, la descrizione e la natura del prodotto; descrizione dei metodi di fabbricazione; dichiarazione di conformità alle normative e alle GMP; un rapporto sulla sicurezza del prodotto; e dati sulla sperimentazione animale, se del caso. Devono anche assemblare un rapporto sulla sicurezza del prodotto che contenga informazioni sulla sicurezza del prodotto e una valutazione della sicurezza del prodotto.

I consumatori hanno un ruolo?

Sì, e inizia con la vigilanza sui prezzi, l'imballaggio e la qualità del prodotto:

      • Prezzi: Se il prezzo è troppo alto per essere vero o solo notevolmente più basso rispetto all'ultima volta che l'hai comprato, ci sono buone probabilità che sia un falso.
      • Packaging: La stampa potrebbe sembrare scadente o i colori potrebbero sembrare sbiaditi. Potrebbe non esserci un codice a barre. Potrebbe non esserci alcun imballaggio e i prodotti potrebbero essere offerti alla rinfusa.
      • Prodotti: Se la consistenza o la consistenza sembrano diverse, è probabile che sia un falso

Negli Stati Uniti i consumatori possono “segnalare sospetti riguardanti la fabbricazione o la vendita di merci contraffatte o usurpative” all'FBI. Per i prodotti cosmetici sospetti contraffatti visti online, i consumatori possono contattare il Centro per i reclami contro le frodi su Internet dell'FBI. L'FBI ha anche collaborato con il Centro nazionale di coordinamento dei diritti di proprietà intellettuale per creare un linea di punta dove i consumatori possono segnalare i prodotti che sospettano essere falsi.

Nell'UE, i consumatori sono incoraggiati a contattare le autorità locali in merito a prodotti cosmetici contraffatti. A seconda della natura della situazione, le autorità potrebbero indagare direttamente o contattare l'organo investigativo appropriato, che potrebbe includere Europol. Il Regno Unito ha Azione frode, uno strumento di segnalazione online di frodi e crimini informatici.

I consumatori dovrebbero anche essere consapevoli di cosa i marchi stanno facendo per combattere le contraffazioni e programmi di coinvolgimento dei consumatori che incoraggiano le persone a segnalare prodotti sospetti.

Pensieri finali

Se vuoi davvero approfondire le normative statunitensi ed europee, scarica il nostro "Mercato globale dei cosmetici“Libro bianco di oggi. Ha anche una sezione sui regolamenti a Singapore, oltre a ulteriori informazioni sui prodotti cosmetici contraffatti.

In "Principali tendenze della catena di approvvigionamento del 2021", abbiamo posto alcune importanti domande che le aziende dovrebbero porsi mentre ci avviciniamo a quello che probabilmente sarà un altro anno difficile per le catene di approvvigionamento. Molte di queste domande, elencate di seguito, si adattano perfettamente a ciò di cui abbiamo parlato oggi: regolamenti, contraffazioni, protezione del marchio, coinvolgimento dei consumatori.

La tua catena di approvvigionamento è il punto in cui convergono tutte queste preoccupazioni. Ecco perché dovresti programma una breve demo delle nostre soluzioni. In circa 15 minuti possiamo mostrarvi le basi del nostro Sistema di tracciabilità e come trasforma la tua catena di fornitura in una risorsa strategica che migliorerà e proteggerà ogni aspetto della tua attività.

 

  • Stai al passo con? tendenze della catena di approvvigionamento?
  • Ci sono lacune e punti ciechi nella tua catena di approvvigionamento?
  • Le contraffazioni sono un problema nel tuo settore?
  • Stai facendo tutto il possibile per proteggere il tuo marchio?
  • Stai attivamente raggiungendo i tuoi clienti per avvicinarli al tuo marchio?
  • Ci sono scadenze di conformità all'orizzonte?
  • Sei sicuro che le tue attuali soluzioni per la catena di approvvigionamento siano davvero ottimali?
  • Stai usando la tua catena di fornitura come un asset strategico?
LinkedInTwitterFacebook

Articoli Correlati